Storia

 
Il consorzio PROCOMP nasce il 9/7/1999 con atto del Notaio Leonello Anderlini in Roma (Repertorio n. 35483 Raccolta n. 22362), come strumento attuatore del progetto TRASCOMP finanziato in ambito L. 488.
Il progetto prevedeva la realizzazione di componentistica per il trasporto ferroviario e per il trasporto in genere con l'utilizzo di materiali innovativi sviluppati nel progetto TRASMAT finanziato anch'esso con la stessa legge. Il progetto TRASCOMP, finanziato con un significativo contributo a fondo perduto, si è concluso con successo nel 2002. La compagine iniziale oltre all'ENEA era costituita dalla MERMEC di Monopoli (BA) attiva nel settore dei treni diagnostici, l'Ansaldo Ricerche (ora Ansaldo Energia) che oltre alle competenze di Genova ha messo a disposizione personale e competenze della sede di Napoli, la Ferraioli di Angri (SA), industria di lavorazioni meccaniche specializzata nel settore ferroviario e la Costa Ferroviaria di Lecco, che entrata in amministrazione controllata il 11/06/2002, è uscita dal consorzio il 05/09/2002.
La compagine consorziale ha continuato l'attività proponendosi in altri ambiti progettuali su tematiche affini, collegate alla precedente esperienza ed in linea con l'ambito di intervento dei partner industriali. Sono stati presentati, approvati e finanziati con il nuovo meccanismo del credito agevolato nell'ambito della L. 297, i progetti RINNOVA e NADIMOFER che riguardano tematiche di ricoprimenti innovativi nanostrutturati, il primo, e dispositivi di captazione elettrica “attivi” per le ferrovie, il secondo.

RINNOVA Assile ferroviario uscito dal bagno galvanico per il ricoprimento metallico nanostrutturato con funzione anticorrosione NADIMOFER Esempio di tubo rinforzato con grani cavi in alluminio consolidati con resina


Risale a quel periodo l'allargamento della partecipazione societaria alla Università di Bari, in particolare al Dipartimento di Chimica, con l'obiettivo di accedere al meccanismo di finanziamento a fondo perduto per i progetti proposti in ambito L. 297 riservato ai consorzi a maggioranza pubblica. Le attività dei progetti si sono concluse con successo nella primavera del 2007. Nell'ottica di valorizzare le tecnologie ed i processi sviluppati nell'ambito dei progetti appena conclusi, sono state messe in atto iniziative tese a diffondere i risultati ottenuti al sistema industriale. Tra gli industriali contattati, alcuni operano nel settore delle porte per impieghi speciali come le porte tagliafuoco, altri sono costruttori di impianti eolici di media taglia, interessati in particolare alla realizzazione delle pale che devono avere elevata rigidezza e peso minimo e quindi interessati alla originalità della tecnica di realizzazione delle schiume metalliche, messa a punto in collaborazione con l'Università di Saarbrucken (Germania) nell'ambito del progetto NADIMOFER.

E' stata avviata la procedura per coprire con brevetto il pantografo attivo (sviluppato nel progetto NADIMOFER) ed è ancora in corso la fase di collaudo in campo del comportamento del rivestimento galvanico innovativo (Nichel con nanoparticelle di SiC), messo a punto in collaborazione con l'Università di Trento, che è stato applicato ad assili ferroviari, lungamente collaudato presso le ferrovie norvegesi.
Indietro Stampa
Consorzio PROCOMP Consorzio per lo sviluppo e realizzazione di componentistica innovativa per i trasporti